santangelowp
il carro di tespi9
05
viaggio sent in treno8
lacedoniawp
il carro di tespi8
guardiawp
il carro di tespi7
morrawp
il carro di tespi6
06
il carro di tespi4
ambrogio sparagna trio1
calitriwp
vinicio capossela1
01
viaggio sentimentale4
Riondino
bisacciawp
viaggio sentimentale5bis
03
Capossela
andrettawp
viaggio sentimentale2
07
viaggio sentimentale
show sidebar & content

Sant' Angelo Dei Lombardi

Verso il tardi ci rimettemmo in via, e fummo a Sant’Angiolo ch’era ancora giorno. Mai forse quella strada aveva veduto tanta gente. I contadini seguivano con l’occhio interrogativo quella cavalcata, e si vedeva lontano sull’altura gran gente che aspettava, un bel tramonto illuminava lo spettacolo.

“Sull’altura”, a 870 metri di altitudine, è arroccato Sant’Angelo dei Lombardi. La storia antica del paese è scritta nei muri del castello, della cattedrale, della bellissima abbazia di San Guglielmo al Goleto, uno dei più importanti complessi monastici monumentali del meridione. Le preziose testimonianze storico-architettoniche custodite nell’abbazia vanno dalla Torre Febronia, risalente al 1152, fino alla Chiesa Grande, in parte diruta, edificata da Domenico Antonio Vaccaro tra il 1735 e il 1745. Sant’Angelo, “la mia città”, importante polo terziario dell’Alta Irpinia, ospita una sede vescovile, un tribunale e un prestigioso istituto di istruzione secondaria superiore, intitolato al De Sanctis.
Da Sant’Angelo l’occhio va verso il massiccio del Terminio, ai cui piedi è il complesso monumentale di S.Francesco a Folloni (XIII sec.), o alla Valle di Ansanto, luogo di venerazione della dea Mefite, dove Virgilio immaginò uno degli ingressi agli Inferi.

Sant'Angelo Dei Lombardi