santangelowp
il carro di tespi9
05
viaggio sent in treno8
lacedoniawp
il carro di tespi8
guardiawp
il carro di tespi7
morrawp
il carro di tespi6
06
il carro di tespi4
ambrogio sparagna trio1
calitriwp
vinicio capossela1
01
viaggio sentimentale4
Riondino
bisacciawp
viaggio sentimentale5bis
03
Capossela
andrettawp
viaggio sentimentale2
07
viaggio sentimentale
show sidebar & content

Il Porco Letterario (2002)

Il Porco Letterario, ovvero: P(w)ork in Progress

Secondo corso di cucina tradizionale
9 e 10 marzo 2002

“Del maiale non…” Il vecchio adagio è a tutti noto. Come noti sono i modi di cucinarlo e di servirlo a tavola.

Un po’ meno conosciute o a rischio di estinzione nell’era biotech sono, invece, le tecniche tradizionali di lavorazione del simpatico quadrupede dalla coda arricciata. E non proprio ovvie appaiono le associazioni tra esso e i territori della Letterarietà.

Forse è per questo che è difficile immaginare di poter colmare un vuoto nel campo senza incorrere nel rischio di cadere nella banalità e nel già visto.

Ci prova a farlo il Parco Letterario Francesco De Sanctis, con l’organizzazione del Secondo corso di cucina tradizionale che ha al centro, appunto, le tecniche di lavorazione del maiale in un contesto (il Paese di nascita dell’illustre critico letterario e uomo politico irpino, Morra De Sanctis, in provincia di Avellino).

Il Corso si tiene sabato 9 e domenica 10 marzo 2002 presso il laboratorio Retrogusto, in località Orcomone (Morra De Sanctis) ed ha per ‘docenti’ alcune donne del luogo, depositarie di un sapere e di tecniche che rendono unico il sapore degli insaccati e degli altri ‘derivati’ del maiale.

E’ evidente che non è indifferente, rispetto al prodotto finito, il tipo di alimentazione con cui è cresciuto l’animale: i prodotti della natura, che da queste parti è ancora incontaminata.

Poi, il Parco Letterario ha avuto cura di scegliere il meglio sul mercato, come di consueto, perché un maiale non vale l’altro.

Chi sceglierà di venirci a trovare, prenotandosi per tempo, potrà portarsi a casa un know-how fondamentale in questi tempi di ‘mucche pazze’ e di manipolazioni genetiche. E potrà portarsi, ovviamente, il ‘materiale didattico’ elaborato durante il corso, a costi davvero ‘appetibili’!

Per rendere unica la proposta l’organizzazione ha abbinato all’attività manuale, nella più genuina interpretazione del pensiero pedagogico desanctisiano, momenti di arricchimento intellettuale in tema con l’attività formativa:

una cena letteraria, di cui non si forniscono i dettagli per non togliere il gusto della sorpresa, presso la Cantina del Parco ubicata nel centro storico di Guardia Lombardi (AV);

escursioni guidate nei luoghi dell’autore (e del maiale) che potranno arricchire l’esperienza cognitiva e quella del gusto tra boschi dai colori incantevoli, fontane e vecchi mulini recuperati, centri storici medioevali, valli ed alture che inebriano per l’eccesso di ossigeno (e, talvolta, di aglianico robusto).